Piatto da parata - Primo quarto del XVII secolo


Piatto da parata
Primo quarto del XVII secolo
Compendiario: turchino in diverse intensità, giallo, arancio, vede marcio su smalto bianco e spesso.
Grande piatto apodo con ampio cavetto poco profon­do e media ricadente all'esterno. 
Motivo a "carote, foglie e fiori" sulla tesa; 
nel cavo, incorniciato da un tralcio vegetale ondulato, è una figura loricata e con il capo cinto da una corona d'al­loro, seduta su una panca in pietra e intenta a suo­nare una viola con l'archetto. La scena è inserita in un ambiente alberato con stormi di uccelli che si librano nell'aria, isolata su una sorta di base roccio­sa subcircolare. 



I tratti del volto e l'anatomia possen­te del giovanetto sono accentuati da un morbido chiaroscuro; la chioma folta e riccia è resa con addensamenti di arancio; i particolari della lorica, l'armatura degli ufficiali delle legioni augustee nella Roma del I secolo d.C, sono riportati con cura, sia pur con qualche fraintendimento. 

Bibliografia: dell'Aquila 2010, scheda 14, pp. 212-213 (con attribuzione a fornaci di Terra d'Otranto). Anna Lucia Tempesta

(da Catalogo MuMa)